7.1.12

I Roccocò napoletani... di casa mia



Il roccocò è un dolce tipico napoletano a base di farina, zucchero, mandorle, canditi e pisto, un mix di spezie varie (pepe bianco, noce moscata, cannella e chiodi di garofano in polvere) molto utilizzato nei dolci della tradizione partenopea.
Il roccocò, la cui preparazione più antica risale al 1320 a opera delle monache del Real Convento della Maddalena, deve probabilmente il suo nome al termine francese rocaille, che descrive una forma di conchiglia tondeggiante simile a quella del dolce.
La tradizione vuole che i roccocò facciano la loro comparsa sulle tavole delle famiglie napoletane l’8 dicembre, giorno in cui viene allestito anche il presepe insieme all'albero, e continuino a chiudere i pranzi napoletani durante tutto il tempo di Natale.
Essendo il roccocò un biscotto rustico e abbastanza duro, viene solitamente “inzuppato” nello spumante, nel vino bianco o nel marsala.
I roccocò, così come gli altri dolci delle feste, ogni anni li prepara papà, che è il vero cuoco di "casa Kaori"!
La ricetta che da sempre prende ad esempio è quella presente nel volume Il grande libro della pasticceria napoletana (Edizione Di Mauro, 1989), rivisitata però in base ai gusti di famiglia: a noi, i roccocò, piacciono un po' più morbidi e più ricchi di mandorle, e leggermente meno dolci, ma con le note decise delle scorzette d'arancia candite... e poiché così piacciono anche a molti altri, ogni dicembre papà ne sforna in quantità industriale per poterne regalare ad amici e parenti!
Per i primi giorni restano morbidi, poi col passar del tempo si induriscono un po'... ma provate ad inzupparli un po' nel latte tiepido la mattina, sentirete che bontà! Se tenuti al riparo dall'aria e dall'umidità si conservano benissimo anche per due o tre mesi!
Se il prossimo Natale vorrete provarli, eccovi la ricetta!


Roccocò ricchi




Farina 00 (io Molino Chiavazza), 1 kg
Mandorle, 1 kg
Zucchero, 660 g
Scorzette d'arancia candite e canditi misti (io sempre Crispo), 180 g
Pisto (noce moscata, pepe bianco, cannella, chiodi di garofano in polvere), 1 cucchiaino da caffè
Ammoniaca per dolci, 1 cucchiaino da caffè
Sale, 1 pizzicotto
Acqua, q. b. (indicativamente 300 g)
Uova, 2 piccole
Burro, q.b.


Tostare le mandorle nel forno per 10 minuti a 170°. Prelevarne una piccola parte e tritarla grossolanamente insieme ai canditi e a un cucchiaio d'acqua.
Aggiungere tutti gli ingredienti in una terrina molto capiente (noi abbiamo una madia come quella che vedete in basso qui) e impastare bene aggiungendo poca acqua alla volta. E' importante che l'impasto resti molto sodo (difficile da lavorare a mano, soprattutto in grandi quantità... non so come faccia mio padre!), tanto da poter essere diviso in filoncini di 8-10 cm di lunghezza dai quali poter ricavare delle "ciambelle".
Spennellare ciascuna ciambella con l'uovo sbattuto e disporle un po' distanziate tra loro su una teglia leggermente imburrata.
Cuocere per 15 minuti in forno preriscaldato a 180° e lasciar raffreddare completamente prima di servirli!


Con questa ricetta partecipo al contest del Molino Chiavazza!


26 commenti:

  1. con tutti questi ottimi ingregienti chissà che profumino si è espanso in casa, che meraviglia..

    RispondiElimina
  2. sai che me li ha troppo consigliati anche la mia parrucchiera!
    napoletana ovviamente!

    RispondiElimina
  3. solo a dicembre???? e' un vero peccato io appena ho tempo li faccio visto che ho fatto le arance candite e si dovrebbero fare tutto l'anno vista la durata e la delizia che sono!!!! grazie x la ricettina!!! ^-^
    ps:ma quante mandorle vanno??? nn vedo il peso se nn ti disturba mi mandi un e-mail??? baciooooo

    RispondiElimina
  4. @Monia: GRAZIE MILLE!!! Meno male, che sbadata! Ho corretto subito! Un bacione cara! :***

    Un abbraccio ragazze, grazie di cuore! **________** A presto!

    RispondiElimina
  5. Li adoro!!!...e la ricetta che hai utilizzato, con le tue giuste modifiche, mi sembra perfetta...brava!! :-)

    RispondiElimina
  6. Buoni, adesso ci starebbero bene a colazione...buona Domenica, ciao.

    RispondiElimina
  7. Che belli i roccocò! Ogni anno li faccio anch'io...Il loro profumo è proprio il profumo di Natale! Io non ci metto le uova...devo assolutamente provare la tua ricetta!
    Baci
    Marcella

    RispondiElimina
  8. Che belli e buoni!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Che buoni questi pasticcini,devo provarli!Brava!Ciao

    RispondiElimina
  10. Ciao Raffaella, quanto tempo non ti sentivo. Sono venuta apposta a cercarti per farti gli auguri di Buon Anno. Belli i tuoi Roccocò e spero che tutto vada bene. Ciao un bacione

    RispondiElimina
  11. Ciao Raffaella sono capitata per caso e ti trovo un blog goloso e guarda caso i biscotti che adoro!1
    bravissima
    passa a trovarmi se vuoi
    buon fine settimana Anna

    RispondiElimina
  12. E chi non li conosce!!io che sono Napoletana come te,nel periodo natalizio non possono mancare ^_^
    Buon anno cara!!

    RispondiElimina
  13. Grazie per il commento e complimenti per i roccocco....non li amo ,ma i tuoi sono molto ricchi!!!!!buona vita e buona cucina

    RispondiElimina
  14. Ma che belli questi dolci della tradizione, sono davvero ricchi e preziosi!

    RispondiElimina
  15. Ne ho sentito parlare di questi dolcetti, ma non li ho mai provati.
    Devono essere buoni...e non parlarmi dell'inzuppo nel latte che mi viene voglia di provarli subitissimo! :)
    Un bacione bella!

    RispondiElimina
  16. BRAVAAAAAAAAAAAAAAA hai vinto anche tu Sono contenta Auguri baci

    RispondiElimina
  17. Quanto mi attirano i roccocò! Eppure non li ho mai assaggiati... Chissà, magari in un'altra vita sarò stata napoletana e avrò conservato il ricordo della loro bontà :-) I tuoi sono bellissimi: prima o poi giuro che li faccio :-)

    RispondiElimina
  18. Li conosco benissimo! Quando abitavo a Napoli, li preparavo sempre, insieme a molti altri dolci della nostra tradizione.
    Ti sono venuti benissimo, brava! ^_^
    Un bacione e buona domenica

    RispondiElimina
  19. Che bei dolcetti! Non li ho mai mangiati :( mi hai fatto venir voglia di provarli! Baci ^_^

    RispondiElimina
  20. Eccoli i roccoco! Li devo proprio provare perchè mi sanno di un qualcosa di buono, buono :)

    RispondiElimina
  21. Quanti aromi, sento il profumo da qui!

    RispondiElimina
  22. Oh mamma se li adoro questi biscotti. Mi hai messo una voglia...Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  23. Non li ho mai provati, devono essere deliziosi!!! mmmmh! :D

    RispondiElimina
  24. Ragazzi, non so che dirvi, grazie di cuore!!!

    AZZURRA, che gioia! Una vincita assolutamente inaspettata, tant'è vero che ho scoperto solo da pochissimo la lieta notizia! Grazie mille, è veramente una bella soddisfazione!

    Un abbraccio grande a tutti, buon inizio di settimana e a prestissimo! :*

    RispondiElimina
  25. Non li ho mai mangiati...ma a vrderli sembrano deliziosi!
    Ti seguo volentieri e se ti va passa pure da me!
    Un abbraccio ciao

    RispondiElimina