31.5.13

Una torta di compleanno "magica"... buona per tutti!




Un vegetariano aspirante vegano.
Un intollerante al lattosio.
Due o tre "intolleranti" ai dolci ipercioccolatosi.
Quattro o cinque "intolleranti" ai dolci con la frutta.
Una decina di astenuti.
Uno che tutto tranne il cocco.
Un altro che tutto tranne il caramello.
Sono certa che, se avessi tirato in causa anche il caffè, pure quello avrebbero scartato! :°)
Come diremmo noi napoletani, troppi galle a cantà nun schiara maje juorne: quando ci sono troppe persone ad esprimere la propria, non si arriva mai ad una conclusione!
Chi l'avrebbe mai immaginato che preparare una torta di compleanno da portare a una cena tra amici potesse risultare così difficile! ^_^
Bando alle ciance, mi sono messa alla ricerca di qualcosa che potesse accontentare le esigenze e i gusti di tutti, e sfogliando le pagine dei miei foodblogs di fiducia mi sono ricordata di questa torta "magica" che, oltre ad essere molto veloce e versatile, presentava il vantaggio di poter essere preparata anche in assenza di ingredienti come le uova, il latte e il burro.
Il suggerimento che, per renderla perfetta, basta un poco di panna montata, me l'ha resa definitivamente simpatica: sbaglio o non mi hanno lasciato altra scelta?! :°)

Questa torta, una semplice ma (inaspettatamente) golosa nuvola di cacao e panna, la dedico ai miei 28 anni e agli amici coi quali l'ho condivisa allo scoccare della mezzanotte!
Il disegnino che ho cercato di riprodurre coi confettini colorati sulla superficie della torta è ispirato al nome della compagnia teatrale amatoriale che, tutti insieme, abbiamo formato qualche mesetto fa... chi di voi mi sa dire di che oggetto si tratta???
Il primo che indovina vince... un DVD della nostra prima commedia! :-p
Grazie di cuore a tutti coloro che passeranno di qui!



TORTA VEGANA AL CIOCCOLATO di Araba Felice
dosi per uno stampo rettangolare da  27x21x5 cm



per la base

241 gr di farina 00 (io Molino Chiavazza)
241 gr di zucchero (io quello di canna Sarchio)
26 gr di cacao amaro in polvere
11 gr di bicarbonato di sodio
5 gr di sale (io quello integrale Sarchio)
116 gr di olio di semi
21 gr di aceto (io quello di mele Sarchio)
1 cucchiaino da tè colmo di estratto di vaniglia
354 ml di acqua


per la farcia

500 ml di panna vegetale già zuccherata
1/2 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia
cioccolato fondente in scaglie (senza lattosio)


per la bagna leggera alla vaniglia

150 ml di acqua
70 gr di zucchero (io quello di canna Sarchio)
1/2 cucchiaino di estratto naturale di vaniglia




Ungere con poco olio lo stampo in cui si realizzerà il dolce.
Versarvi la farina, lo zucchero, il cacao, il sale e il bicarbonato, mescolandoli con un cucchiaio.
Al centro versare l'olio, l'aceto (reagisce con il bicarbonato favorendo la lievitazione e il sapore, alla fine, non si sente per nulla!), l'estratto di vaniglia e l'acqua.
Mescolare velocemente con una frusta a mano (meglio se ricoperta in silicone).
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti (fa fede, come sempre la prova dello stuzzicadenti: infilato al centro del dolce, deve uscirne completamente asciutto).
Lasciar raffreddare completamente prima di sformare.


Preparare la bagna facendo bollire l'acqua con lo zucchero e aggiungendo l'estratto di vaniglia allo sciroppo raffreddato.
Montare benissimo la panna con l'estratto di vaniglia e passare alla farcitura della torta: bagnare leggermente la superficie della torta con lo sciroppo vanigliato, distribuire uniformemente le gocce di cioccolato e, infine, la panna montata, livellando bene con una spatola.
Decorare a piacere e lasciar riposare in frigorifero per almeno 2 ore prima di servire.


NOTE:

- Che vi troviate a dover usare una teglia monouso in alluminio (come la mia) o una teglia antiaderente, non omettete quel velo d'olio per ungerla.
Abbiate anche la cura di non scegliere uno stampo più piccolo di quello indicato, oppure vi ritroverete con una torta troppo sottile!

- I confetti colorati che vedete in foto contengono lattosio (e chi è intollerante dovrebbe rinunciarvi); se cercate qualche decorazione alternativa ma altrettanto semplice e scenografica, date un'occhiata alle mie scaglie di cocco colorate, ai cioccolatini extra fondenti o agli zuccherini colorati!


17 commenti:

  1. è stata un'impresa fare questa torta, ma devo dire che te la sei cavata magicamente

    RispondiElimina
  2. complimenti nonostante tutti i divieti che ti hanno dato alla fine sei riuscita ad ottenere un effetto magico, ovviamente ringraziamo anche arabafenice, che anche io seguo e di cui ci si può fidare, auguroni, come sei giovane, beata te, un bacione

    RispondiElimina
  3. Zitta va.. anche io ho amici con problemi.. o con gusti dioversi in fatti di dolci.. e nonostante tutto.. riesco comunque a sbagliare! ahahahaha Te la sei cavata benissimo tu.. è golosa.. smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Claudietta, com'è difficile per noi GENEROSE stare a questo mondo! :D
      Grazie mille!

      Elimina
  4. Un castello? :)
    Devo dire che la torta ti è venuta benissimo comunque, alla faccia degli amici... "rompitorta"!
    Auguri!!!

    RispondiElimina
  5. Complicatissimo cucinare per certe persone, ne so qualcosa ;-) meno male che questa torta risolve parecchi problemi!
    Mille grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Stefy! ^_^
      Da questo momento sarà la mia torta passepartout! :D

      Elimina
  6. Auguri tesorona! Una torta stupenda nonostante tutto. Ti auguro tutto il meglio che desideri. Sei una persona dolcissima! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty tu sei dolcissima!
      Grazie di vero cuore mia cara! :°)

      Elimina
  7. Menomale ...cosi hai accontentato tutti...brava!!! Tanti auguri e tante belle cose!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Eheh, immagino che solo io e qualche altra napoletana indovineremo.. Il tricchebbalcche che sta la sopra ;) Davvero anche tu sei una teatrante? Ma sai che devo anche avervi sentito come nome? Avete mai fatto qualcosa a Le Maschere qui ad Arzano? Ho letto questo nome da qualche parte..

    E per quanto riguarda la torta, quanto c'hai ragione.. Pure io spesso mi ritrovo ad organizzare con troppi galli.. Ma direi che tu hai trovato una bella soluzione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh BRAVISSIMA Paola!
      Anche Patty, che è senese, aveva indovinato, sai? :D
      Immaginavo fosse difficile riconoscerlo, e in effetti... però sono contenta che il mio scarabocchio colorato abbia reso l'idea!!! ^_^

      Riguardo all'opera dei pupi :D la nostra compagnia è di recentissima formazione e abbiamo appena iniziato a leggere il copione che porteremo in scena nei primi mesi dell'anno prossimo! Conosco il teatro Le Maschere, è molto famoso... chissà che un giorno non riusciremo a portare anche noi qualcosa lì!
      In ogni caso, se ti fa piacere, ti farò sapere quando andiamo in scena, così vieni a vederci! *_*
      Un bacione!

      Elimina
  9. Salve a tutti qualcuno mi sa dire quanto deve essere grande la teglia?? Spero che qualcuno mi rispondi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, spero di fare ancora in tempo per risponderti, purtroppo non so come rintracciarti!
      Le misure sono indicative per una teglia rettangolare di 27x21x5 cm (io ho usato quella monouso in alluminio per la lasagna!)

      Elimina
  10. Ok grazie mille :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di nulla!
      Anche in una teglia di poco più piccola può andar bene: se ne usi una delle misure da me indicate, ti viene una torta leggermente bassa, perfetta per essere ricoperta di abbondante panna montata (come ho fatto io). ;-)

      Elimina