5.6.13

Starbooks Redone: la (Mini) Chocolate Digestive Cheesecake di Lorraine Pascale



Un colpo di fulmine: ecco cosa è scattato in me non appena ho visto questo dolce.
Non era questa la ricetta programmata per il mio Redone di questo mese.
A dire il vero non avevo proprio previsto un'altra ricetta ultra golosa, dopo questo gelato e questa torta.
Né tantomeno avrei pensato di mettere nel carrello della spesa il cioccolato al latte, che non compravo da tempo immemore.
Lo so: non sarò né la prima né l'ultima starbooks-redoner a preparare questa cheesecake... scommettiamo che già a partire da oggi se ne vedranno altre versioni, in giro per il web? ;-)

Ecco le mie variazioni sul tema:

- Dovendo necessariamente entrare in un abito da cerimonia lunedì prossimo, ho optato per una romantica mini cheesecake a forma di cuore da condividere con la mia metà! :-)
- Non amando le cheesecake interamente a base di Philadelphia e preferendo, per contro (e in generale), la leggerezza della ricotta, ho voluto seguire il suggerimento di Patty di "tagliare" questo formaggio con un 50% di ricotta.
- Non avendo trovato i biscotti Digestive al cioccolato al latte, ho usato quelli classici, trovati in offerta una settimana prima (quando si dice "il destino"... ^_^)
- Per evitare le crepe laterali che si sarebbero formate aprendo lo stampo a cerniera, prima di sformare il dolce l'ho passato per 15 minuti in freezer.
- Essendo la cheesecake appena sformata piuttosto fredda, il cioccolato al latte fuso, usato per ricoprirne la superficie, si è ben presto rappreso: ho utilizzato un coltello a lama liscia per stenderlo e ho preferito non disegnarci le "parentesi graffe" con lo stuzzicadenti.
- Essendomi avanzati, dalla preparazione, alcuni cucchiani di cioccolato bianco, ho pensato farci qualche decorazione in più sul dolce, che però ho realizzato facendo scorrere, arrangiandomi a modo mio, il cioccolato dalla punta del cucchiaino...!

Di seguito la ricetta con le mie piccole modifiche, poi le considerazioni.




CHOCOLATE DIGESTIVE CHEESECAKE
WITH WHITE ICING
dosi per una mini cheesecake di circa 11 cm di diametro


125 gr di biscotti Digestive al cioccolato al latte classici
23 gr di burro
125 gr di ricotta di pecora
125 gr di formaggio bianco spalmabile (tipo Philadelphia)
zucchero a velo a piacere 1 cucchiaio di zucchero a velo
94 gr di cioccolato al latte di ottima qualità (almeno 35% di burro di cacao)


inoltre

31 gr di cioccolato al latte di ottima qualità (almeno 35% di burro di cacao)
5 gr di olio di semi
31 gr di cioccolato bianco




Ridurre i biscotti in briciole sottili (io li ho frullati al mixer) e impregnarli bene con il burro sciolto e intiepidito, usando un cucchiaio dalla parte del dorso.
Versare il tutto sulla base di una tortiera a cerniera e livellare pressando con un batticarne (o un bicchiere) finché la base non sarà omogeneamente appiattita.
Trasferire la tortiera in frigorifero e lasciar rapprendere il biscotto.

Mescolare dolcemente i due tipi di formaggi con lo zucchero, fino ad ottenere un composto cremoso.
Sciogliere la cioccolata a bagnomaria, facendo attenzione che l'acqua non tocchi il fondo della ciotola in cui metterete il cioccolato Spezzettare la cioccolata in una tazza capiente e scioglierla per poco meno di 2 minuti nel microonde impostato a media potenza.
Aggiungere una cucchiaiata di crema al formaggio nella ciotola della cioccolata sciolta e mescolare velocemente fino a che questa non sia ben incorporata. Aggiungerne una seconda cucchiaiata e mescolare velocemente. Continuare così fino a che il composto comincerà ad apparire uniforme. A questo punto aggiungere tutto il resto della crema al formaggio e mescolare per incorporare del tutto.
Versare la crema all'interno della tortiera e livellare bene pressando, affinché non restino bolle d'aria o spazi vuoti. Mettere la cheesecake in frigo per almeno 20 minuti.
Cinque minuti prima di estrarre il dolce dal frigo, preparare il topping: sciogliere il cioccolato al latte, per soli 30 secondi; in un'altra tazza, sciogliere per 1 minuto scarso, nel microonde impostato a media potenza, il cioccolato bianco.
Aggiungere al cioccolato al latte fuso l'olio di semi e attendere che il composto si raffreddi leggermente prima di versarlo uniformemente sulla superficie della cheesecake.
Mettere il cioccolato bianco sciolto in un sac a poche sulla punta di un cucchiaino o di un coltello, poco alla volta, e realizzare con questo delle linee orizzontali distanti circa 2 cm l'una dall'altra, oltre che il contorno del dolce.
Prima che la cioccolata si rapprenda, tracciare rapidamente delle linee in verticale con uno stuzzicadenti, cercando di ottenere una sorta di parentesi "graffe" (io ho solo sfruttato il cioccolato bianco avanzatomi per creare qualche ghirigoro in più!).
Riporre il tutto in frigo e far raffreddare per almeno 2 ore prima di sformare e servire a fette con un ciuffo di panna semimontata.





POLLICE IN SU:

- La consistenza di questa cheesecake è semplicemente perfetta.
Il biscotto della base è compatto e per nulla burroso (in proporzione, la dose di burro utilizzata corrisponde a quel tanto che basta ad amalgamare le briciole); poiché tutte le cheesecakes che ho assaggiato finora sapevano irrimediabilmente di burro, questa qualità, per me, vale più di un punto a favore di questo dolce.
La crema al formaggio, principessa di questa cheesecake, è un equilibrio perfetto tra compattezza e cremosità: al taglio oppone una leggerissima resistenza, ma già sulla forchettina rivela il suo cuore cedevole. Anche il suo sapore mi ha abbastanza soddisfatta (le ragioni dell'abbastanza le trovate più giù!).

- Patty aveva ragione: un equilibrato mix di Philadelphia e ricotta ingentilisce sia la struttura che il sapore della cheesecake, altrimenti piuttosto pungente (per i miei gusti).


POLLICE VERSO (anzi, a 90°!):

- Ci sono opinioni discordanti sul sapore di questa cheesecake (e ovviamente, la pecora nera sono sempre io!): il fidanzato e la suocera l'hanno trovata ottima, io invece ho avvertito la notevole sapidità della base e la leggera acidità della crema (che, con la ricotta, forse si sarebbe dovuta avvertire un po' meno), che, insieme, coprivano un pochino la dolcezza della crema e il suo gusto di cioccolato.
Probabilmente, se avessi utilizzato i biscotti Digestive al cioccolato al latte (indicati nella ricetta originale), questi piccoli particolari sarebbero stati trascurabili.
La dolcezza della crema con l'aggiunta di un solo cucchiaio di zucchero è, per me, perfetta; non escludo tuttavia, che l'aggiunta di ulteriore zucchero possa rivelarsi una buona soluzione nel gioco degli equilibri dei diversi sapori, che io ho trovato un po' slegati.

In conclusione (chissà se si può dire... e se si capisce! :-/):

PROMOSSA, ma SENZA LODE e CON SOSPENSIONE DI GIUDIZIO SUL SAPORE!


La riproverò con i Digestive al cioccolato al latte e con un cucchiaio scarso di zucchero a velo in più nella crema e vi farò sapere!
Intanto grazie mille Patty per aver condiviso con noi questa cheesecake, che, con le eventuali modifiche che apporterò per soddisfare quello che è il mio gusto personale,  rappresenta senz'altro la migliore versione fredda che io abbia provato finora!


Con questa ricetta partecipo allo Starbooks Redone di Giugno!

 




14 commenti:

  1. E' FAVOLOSA! Ma veramente stupenda. Ho letto attentamente le tue considerazioni e posso dirti quanto: la quantità dello zucchero nella crema di formaggio è puramente personale. Io ne ho messo davvero poco, non credo superasse i 50 gr ed ho assaggiato, Poi ho riassaggiato all'aggiunta della cioccolata e mi sembrava adatto perché il cioccolato ammorbidiva parecchio. La base con i digestive al cioccolato è fondamentale. Quando le briciole si compattano, senti perfettamente le scagliette di cioccolato che si fondono con la crema. Sicuramente la base modifica il sapore finale e smorza del tutto l'acidità. Ma la tua proposta è magnifica. Ti adoro!
    PAt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty grazieeeeeeee!
      Forse, se mi fossi affidata anch'io alla prova assaggio (invece che andare esclusivamente "a occhio"), mi sarei regolata meglio con la quantità di zucchero!
      Sebbene, in proporzione, io abbia utilizzato la metà dello zucchero che hai usato tu, la crema, da sola, mi sembrava perfetta (tieni presente, però, che io non vado pazza per i dolci troppo dolci).
      Credo che il segreto sia tutto, come dici tu, nella base coi Digestive al cioccolato, che evidentemente cambiano il sapore complessivo finale!
      Beh, vuol dire che mi sacrificherò a realizzare una seconda versione! ^_^
      Grazie ancora carissima Patty! Un abbraccioooo :*

      Elimina
  2. ma che dolce questo cuoricino! ....però la mia metà mi avrebbe evitato di prendere 1 solo grammo finendolo e cercando di convincermi d'avermi fatto un favore:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheh... ti assicuro che anche la mia metà è stata ben contenta di lasciarmene solo un pezzettino perché "volevo solo assaggiarlo"! :D

      Elimina
  3. Ottima la tua interpretazione di questa ricetta e le tue attente valutazioni, questo è proprio lo spirito del Redone.
    Grazie!

    RispondiElimina
  4. Bellissima e chissà che buona!
    Passa a dare un'occhiata al mio primo contest http://dolcifantasiedimila.blogspot.it/2013/06/il-mio-primo-mini-contest.html

    RispondiElimina
  5. Anche tu non hai resistito!!
    Io ho provato con il quark ed ho avuto la tua stessa impressione, devo ammettere che dopo 24 ore i gusti si amalgamano meglio!

    Bellissima la tua realizzazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corro subito a vedere! Sono curiosissima!
      p.s.: mi credi se ti dico che ero sicura che per il Redone avresti scelto anche tu questa ricetta?! ^_^

      Elimina
  6. STUPENDA! NON HO ALTRE PAROLE!

    RispondiElimina
  7. @TUTTE: Grazie milleeeeeeee!!! *_*

    RispondiElimina
  8. mamma mia ma hai ragione non si può resistere solo un cieco forse passa senza fermarsi se non viene preso dal profumo, complimenti

    RispondiElimina
  9. Un cheesecake irresistibile...brava ! Fortunato il tuo ragazzo!
    baci ..buona giornata!

    RispondiElimina